Facciamo la maionese!

Scuola di cucina parola irene parola al cibo consigli

Le origini di questa meravigliosa salsa fredda sono incerte: se la contendono la Francia, che la usa come base per la sua cucina, e la Spagna, ma ormai si consuma in tutto il mondo.
La sua esecuzione è molto semplice, non necessita di particolari attrezzi da cucina ma occorro conoscere qualche trucco per eseguirla senza rischi, altrimenti potrebbe impazzire (potrebbe, cioè, non avvenire l’emulsione tra tuorlo e olio).
Gli ingredienti sono tuorlo d’uovo, olio, sale, aceto, succo di limone e senape, quest’ultima facoltativa, anche se favorisce l’emulsione. È importantissimo sapere che tutti gli ingredienti devono essere a temperatura ambiente.
Prima di iniziare a inserire l’olio, il tuorlo va mescolato con una frusta al sale, all’aceto e alla senape (se si decide di metterla). Quindi dopo aver montato leggermente questi ingredienti si versa l’olio a filo, poco alla volta. Infine, si regola di sale e di succo di limone filtrato.
Per fare la maionese basta, dunque, una frusta, ma se non volete farla a mano, potete usare il minipimer: il procedimento e la tecnica restano invariate!
E ora sfatiamo la leggenda: possiamo tranquillamente cambiare il senso dello sbattimento e addirittura fermarci ogni tanto per far riposare il polso, vi garantisco che la vostra maionese non impazzirà per questi motivi!
Se succede, è perché gli ingredienti sono freddi oppure avete versato l’olio troppo in fretta. Ma anche in questo caso non bisogna disperare perché è ancora possibile recuperare la salsa: mettete un tuorlo nuovo in una scodella e cominciate a incorporare con la frusta poco alla volta la maionese impazzita, e il gioco è fatto!
C’è addirittura un vantaggio: avrete più maionese da gustare o da trasformare in altre salse, come la tonnata, la salsa tartara, la salsa aiolì, la salsa aurora, ecc. ecc. Eh già… perché la maionese è una cosiddetta salsa madre dal momento che dà origine ad altre salse.
Una piccola attenzione: la base della maionese è l’uovo crudo, quindi bisogna fare attenzione alle uova che si usano poiché il rischio della salmonella è in agguato. L’ideale, perciò, sarebbe poter usare uova pastorizzate.
Ed ecco qui sotto le dosi:

1 tuorlo
150-200 g olio di semi di arachide
sale
1 cucchiaino di senape (facoltativa)
1 cucchiaino di aceto
succo di limone filtrato